HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsYara fu torturata prima di essere uccisa: per Bossetti rischio ergastolo

Yara fu torturata prima di essere uccisa: per Bossetti rischio ergastolo

di

Un fatto di cronaca che non ha mai fine, mai un riscontro che chiuda tutte le domande, i dubbi e dia certezza e pace, a lei povera piccola strappata alla vita dalle insane passioni di un mostro che pare ormai certo sia il Bossetti e pace ai familiari per cui lo strazio di una perdita cosi atroce viene rinnovato ogni giorno e anche questo è un delitto consumato per mano del mostro.

Yara-Gambirasio-Massimo-BorsettiDettagli da film dell’orrore, particolari cruenti, rivelazioni agghiaccianti; dall’inchiesta in corso sull’omicidio di Yara Gambirasio trapelano notizie che fanno immaginare cosa abbia passato la bambina prima di spirare; perchè nonostante i tempi evolvano concetti e costumi, di una bambina si trattava, una futura giovane donna, un germoglio che si apprestava a crescere e fiorire, un germoglio reciso, divorato dall’ingordigia di chi si nutre delle vite altrui, del loro dolore, della sofferenza e del terrore che riescono a infondere.

E sono appunto le nuove indiscrezioni che ci rendono noto l’orrore: Yara sarebbe stata torturata per puro divertimento prima di essere uccisa, una notizia sconvolgente che arriva proprio il giorno successivo alle conclusioni delle indagini del PM dottoressa Letizia Ruggeri; il magistrato della Procura di Bergamo è fermo nella decisione di richiedere il processo per Massimo Bossetti, il carpentiere accusato del delitto, accuse che prendono corpo sempre più saldamente.

Ed ecco le ulteriori motivazioni che vanno ad aggiungersi al quadro che già è stato delineato, il magistrato ha dichiarato: “Sul corpo di Yara c’erano diverse ferite, tutte provocate da un coltello o da un taglierino dalla lama molto affilata”; quei tagli indicherebbero delle sevizie, una tortura inflitta per sadico divertimento.

Una delle “passioni”’ venute a galla di Bossetti,  sarebbe stata quella di visitare i profili Facebook di ragazzine giovanissime, minorenni e coetanee di Yara Gambirasio; significativa la traccia di una visita effettuata al profilo di una 14enne con il nome molto simile a quello della tredicenne uccisa: Ilaria Gambiraso, e guarda caso si tratta della vicina di casa di Bossetti, che ora è più grande, la quale ha dichiarato: “L’ho scoperto solo poche settimane fa. Cosa ho pensato? Non mi sono stupita, perché essendo vicina ci sta un po’ di curiosità,Mi salutava e mi chiedeva come stavo; la moglie Marita Comi invece no, con lei nessun rapporto.”

Lascia un commento

Back to Top