HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsYara Gambirasio: Massimo Bossetti portò la moglie a vedere il campo di Chignolo dove fu rinvenuto il cadavere

Yara Gambirasio: Massimo Bossetti portò la moglie a vedere il campo di Chignolo dove fu rinvenuto il cadavere

di

La moglie di Massimo Bossetti ha avuto un colloquio in carcere con il marito dove ha chiesto che faccia chiarezza

comi-bossettiMarita Comi, la moglie di Massimo Bossetti indagato per l’omicidio di Yara Gambirasio, ha avuto un colloquio in carcere con il marito. La chiacchierata durata circa mezzora è stata per lo più incentrata sul motivo per il quale sul corpo di Yara Gambirasio si sia trovato il DNA del marito.

Poche parole ma che denotano l’incredulità della moglie nel dover fare i conti con un uomo che ora stenta a riconoscere: “Io ti credo. Ma c’è il dna. Cerca di ricordare, cerca di spiegare”.
Sono emersi ulteriori particolari sull’interrogatorio al quale è stata sottoposta la moglie di Massimo Bossetti. Gli inquirenti le hanno esplicitamente chiesto se conoscesse e fosse mai stata nel campo di Chignolo dove il corpo di Yara Gambirasio fu lasciato dal suo assassino.

La donna ha risposto affermativamente: “Sì, mi ci ha portato mio marito”. Ha poi aggiunto che si è recata li con il marito molto tempo dopo che fosse ritrovato il corpo e che il motivo della visita era che “volevamo andare a vedere il luogo”.
Gli inquirenti hanno incalzato Marita Comi di domande, e la donna ha ricordato che non trovarono subito la strada e che da quanto è a sua conoscenza il marito in quel luogo non c’era mai stato.

Quello che emerge è che ci si trova di fronte ad una donna in fortissima confusione emotiva, da una parte cerca in tutti i modi di difendere il marito e il padre dei suoi figlia, dall’altra si percepisce che questa storia ha lasciato moltissimi dubbi e moltissime perplessità anche a lei. La paura probabilmente è che dovrà fare i conti con un uomo che tutti quanti additano come il killer di Yara Gambirasio e che forse anche lei piano piano inizia a pensarlo.

Lascia un commento

Back to Top