HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiZhu Yunting: indagini in corso per la sua misteriosa morte

Zhu Yunting: indagini in corso per la sua misteriosa morte

di

A dare l’allarme della scomparsa del 55enne cinese Zhu Yunting è stato il nipote. Poco dopo i vigili del fuoco hanno trovato il corpo senza vita dell’uomo a Prato, precisamente presso via Gore del Pero, il cadavere presentava ferite d’arma da taglio al collo e al volto

Zhu Yunting era immigrato regolarmente in Italia con un permesso di lavoratore dipendente. Forse al momento dell’omicidio è stato colpito da una mannaia o più probabilmente da un’accetta. Il corpo è stato ritrovato in un locale in cui sono presenti delle postazioni computer che vengono utilizzate per giocare, gli inquirenti dunque non escludono che l’uomo possa essere stato ucciso a causa di una lite finita male per questioni di gioco.

Il nipote di Zhu Yunting ha rilasciato una dichiarazione: “Questa mattina non riuscivo a trovare mio zio, così sono venuto qua con una mia amica, abbiamo trovato ad aprire la porta ma era tutto chiuso. Così, abbiamo chiamato i vigili del fuoco”.

Zhu YuntingI vigili del fuoco corsi subito sul posto, hanno poi trovato l’uomo in una pozza di sangue, disteso su un lato e ormai senza vita. La sua morte per ora è un giallo.

Cosa ci faceva Zhu Yunting in quel locale che si trova vicino ad un negozietto di pronto moda? Dalla polizia di Prato è stato ascoltato anche il figlio della vittima, per poter recuperare elementi utili alle indagini, coordinate dal pm Laura Canovai, che potrebbero far luce sulla vicenda, sulla vita e sulle frequentazioni della vittima.

Negli ultimi tempi nella stessa zona in cui è stato ritrovato Zhu Yunting, venne trovato sotterrato il cadavere di una donna, forse morta folgorata a causa di alcuni segni trovati sulla mano che coinciderebbero con quelli di una scossa elettrica, e poi nella Chinatown di Prato nel mese di agosto, un altro immigrato era stato ritrovato ucciso a coltellate in un internet point.

Lascia un commento

Back to Top