HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsCaso Cristofer Oliva: “Fabio Furlan lo ha ucciso ed ha occultato il cadavere”

Caso Cristofer Oliva: “Fabio Furlan lo ha ucciso ed ha occultato il cadavere”

di

fabio furlanAd uccidere Cristofer Oliva è stato Fabio Furlan. I giudici, che lo scorso maggio hanno condannato l’assassino a 25 anni di reclusione, non hanno alcun dubbio

Cristofer Oliva, 19 anni, sparì nel nulla. Era il 17 novembre del 2009 quando del giovane si persero le tracce. Nel tardo pomeriggio di quella maledetta giornata, il giovane ricevette una telefonata dal suo migliore amico, Fabio Furlan. I due, da sempre grandi amici, avevano messo in piedi una piccola piantagione di marijuana ma, nonostante il loro enorme legame, non mancavano piccoli litigi per quella fidanzatina contesa.

Non è chiaro cosa sia successo di preciso quel 17 novembre ma ciò che è certo è che Oliva dal presunto incontro con Furlan non è mai più tornato. La vittima decise di lasciare il suo cellulare a casa per “evitare tarantelle”. I due erano forse diretti a Secondigliano, piazza di spaccio del napoletano dove ci si reca senza i telefonini.

Dopo qualche ora da quella telefonata, la sorella di Cristian incontrò Furlan: “Ho fatto tardi e non ho trovato Cristofaro, sono venuto a cercarlo ora”. Fabio dichiarò di non aver mai incontrato Cristofer quella giornata.

Dopo le ricerche, in breve tempo Fabio Furlan venne messo al centro delle indagini e a peggiorare la sua posizione fu una mail inviata ad un altro amico prima della scomparsa del 18enne: “Non ti preoccupare, tra un po’ quello sparirà”.

Dopo anni di indagini, per Furlan nel 2013 arrivò la condanna di primo grado a 30 anni. Nel maggio del 2015 quest’ultimo è stato condannato a 25 anni di reclusione, 5 anni in meno di quanto gli era stato inflitto in primo grado.

Come pubblicato da IlMattino.it, il corpo di Cristofer non è stato mai trovato ma i giudici non hanno alcun dubbio: “Fabio Furlan ha ucciso Cristofer Oliva e ne ha occultato il cadavere in modo da renderne impossibile il ritrovamento…Il materiale raccolto ed elaborato nel corso del processo è a carattere indiziario”.

La motivazione della condanna per omicidio e occultamento di cadavere è racchiusa in 45 pagine che spiegano che Furlan, il quale avrebbe cercato riparo in un falso alibi, aveva premeditato di uccidere Cristofer Oliva dopo che la loro amicizia si era incrinata.

Lascia un commento

Back to Top