HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsCaso Guerrina Piscaglia: Padre Graziano si sente male, interrogatorio rimandato

Caso Guerrina Piscaglia: Padre Graziano si sente male, interrogatorio rimandato

di

Quella di ieri era una giornata molto importante per il caso di Guerrina Piscaglia. Padre Graziano doveva sottoporsi alle domande della corte d’assise invece ha accusato un malore. La camera di consiglio ha accolto l’eccezione, tutto rinviato al prossimo 1° luglio.

guerrina-piscagliaPadre Graziano aveva la pressione alta a causa di un malessere accusato la notte che precedeva il grande giorno. Probabilmente si è trattato di una conseguenza dello stress eccessivo in quanto Gratien dovrà rispondere alle domande dei giudici della Corte d’Assise sul suo rapporto con Guerrina Piscaglia. La casalinga di Ca’ Raffaello, in provincia di Arezzo è scomparsa il primo maggio del 2014. L’interrogatorio è stato rinviato di una settimana, il prossimo 1° luglio infatti il sacerdote sarà chiamato nuovamente in aula. Attualmente Padre Graziano si trova ai domiciliari in un convento a Roma.

Il fulcro dell’udienza sarà la figura di Zio Francesco, l’uomo con cui si sarebbe allontanata Guerrina. Per il pm vi sono dei seri dubbi sulla sua esistenza e quello di Padre Graziano è solo un tentativo di depistaggio. Inoltre dovrà fornire spiegazioni sul telefonino della Piscaglia, Gratien ha sempre detto che non l’ha mai visto ma le celle telefoniche agganciate dal dispositivo hanno sempre smentito questa versione.

Ci sono diverse prove contro Padre Graziano, in un pc che è stato sequestrato poco dopo la scomparsa di Guerrina Piscaglia, sarebbero state individuate alcune ricerche compromettenti che il sacerdote congolese avrebbe fatto. Ma non è questo il punto più importante su cui si basa l’impianto accusatorio. Guerrina e Padre Graziano avevano un rapporto molto intimo, lo dimostrano i messaggi che si scambiavano. Forse la casalinga si era invaghita di Gratien. La curiosità intorno a questo caso è tanta, ma per avere delle risposte dobbiamo attendere ancora qualche giorno.

Lascia un commento

Back to Top