HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsDaniela Poggiali: ergastolo all’infermiera killer che uccise una paziente

Daniela Poggiali: ergastolo all’infermiera killer che uccise una paziente

di

daniela poggialiDaniela Poggiali, l’infermiera 44enne dell’ospedale Umberto I di Lugo del Ravennate, è stata condannata all’ergastolo. A decidere la pena i giudici della corte d’Assise di Ravenna

Daniela Poggiali dovrà scontare una pena eterna perchè accusata di aver ucciso nell’aprile 2014 una sua paziente di 78 anni, Rosa Calderoni, iniettandole una dose letale di potassio. Dopo l’omicidio, commesso senza alcuna pietà, l’infermiera ebbe addirittura il coraggio di scattarsi una foto con il cadavere. E’ per questo che la ex infermiera è stata condannata all’ergastolo e per la sua pena inoltre, è stato escluso l’isolamento diurno per oltre un anno e l’aggravante dei motivi abbietti, ma è stata confermata quella della premeditazione e quella dell’uso di un mezzo venefico.

Daniela Poggiali, la quale ha sempre dichiarato di essere “sfortuna” quella che i pazienti morissero spesso durante i suoi turni, potrebbe essere stata l’autrice di un’altra decina di morti sospette. E’ davvero un caso che, durante i suoi turni, le morti registrate ebbero un picco di ben 90 decessi in più rispetto a quando lei non era in servizio?

“Penso che si dovrebbe parlare di un solo delitto, visto che mia assistita è accusata di quello e non di altro – replicò il suo avvocato – Penso che la valutazione dei fatti su base statistica lasci un po’ il tempo che trova. Bisognerebbe considerare le molte variabili che condizionano i dati, come il fatto che la mia assistita lavorava molto più della media. Ma anche considerando il solo delitto contestato io dico una cosa: la signora deceduta non è stata uccisa, è morta di ictus”.

Perchè Daniela Poggiali avrebbe ucciso così tante persone? “In criminologia – spiegò invece un magistrato – sarebbe indicata come serial killer dominante: uccidendo, si sentono potenti. E lei ha ucciso non per pietas ma perché si compiace di dare la morte“.

Lascia un commento

Back to Top