HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsDelitto di Garlasco, Andrea Sempio per la prima volta in tv: ecco cosa ha detto

Delitto di Garlasco, Andrea Sempio per la prima volta in tv: ecco cosa ha detto

di

Andrea Sempio ha partecipato alla trasmissione televisiva “Quarto Grado”, apparendo per la prima volta in tv in modo volontario. Ecco cosa ha raccontato il giovane, indagato per l’omicidio di Chiara Poggi

Negli ultimi tempi si è sentito parlare molto di lui poichè il suo Dna è stato trovato sotto le unghie di Chiara Poggi. Andrea Sempio, dopo mesi di silenzio, ha deciso di mostrarsi in tv e di raccontare la sua versione dei fatti.

“Io so che cosa vuol dire sentire in tv e sui giornali cose non vere. So cosa significa essere innocente e essere invece ritenuto un colpevole. So cosa vuol dire ricevere insulti e minacce. Non ho seguito la vicenda giudiziaria di Alberto Stasi per cui, non conoscendolo, non mi schiero e non so dirvi se è colpevole o innocente. Ma se fosse innocente, saprei dirvi come si sentirebbe, visto che io l’ho provato sulla mia pelle”.

Com’è possibile che il suo Dna sia finito sotto le unghie della vittima? “Io non sono un tecnico, questo non lo so e non lo potrò mai sapere ha detto Sempio – Posso dire che io usavo lo stesso computer di Chiara, stavo spesso in camera sua, andavo due volte a settimana in casa sua. Non ho però avuto, giorni prima dell’omicidio, contatti con lei. Non l’ho abbracciata, non ci siamo stretti la mano.”

Spunta la questione dello scontrino che Andrea Sempio ha conservato per ben 10 anni, utilizzandolo come prova a sua favore. Secondo l’uomo infatti, quello scontrino sarebbe potuto tornare utile in qualsiasi momento: “Dopo qualche giorno dall’omicidio, dalla mia macchina spunta fuori questo scontrino, io ero stato già sentito e mamma mi consiglia di tenerlo, visto che c’è stato un omicidio meglio conservare questo scontrino”.

Oltre al Dna pare che nessun altro elemento possa rivoltarsi contro Andrea, a partire dalla bicicletta nera mai posseduta dalla famiglia Sempio e dall’impronta ritrovata vicino al corpo di Chiara Poggi di un numero 42, differente da quello del nuovo indagato che da quando ha 18 anni indossa un 44.

La famiglia Poggi inoltre, non ha mai creduto che Sempio possa essere l’assassino della figlia ed è per questo che Marco e Andrea continuano ad essere grandi amici.

Lascia un commento

Back to Top