HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsDelitto Meredith: per Rudy Guede un altro permesso premio di 3 giorni
rudy guede

Delitto Meredith: per Rudy Guede un altro permesso premio di 3 giorni

di

Nuovo permesso premio per Rudy Guede, l’ivoriano condannato per l’omicidio di Meredith Kercher. Questa è la quarta volta che il 29enne lascia il carcere di Viterbo.

rudy guedeRudy Guede condannato per l’omicidio di Meredith Kercher in questi giorni è libero. L’ivoriano sta usufruendo di un permesso premio, il quarto da quando è detenuto. Guede dovrà ritornare presso il carcere di Viterbo il 15 novembre 2016 alle ore 17. Gli altri permessi concessi all’ivoriano risalgono a giugno, agosto e settembre. I giudici hanno accolto la richiesta di Rudy Guede che, ricordiamo, sta scontando una pena di 16 anni per aver ucciso la studentessa inglese Meredith Kercher la notte del primo novembre 2007.

Guede ha lasciato il carcere di Viterbo sabato sera ed è stato trasferito presso il Gavac. L’associazione che lo ospita si occupa del recupero dei detenuti e segue anche le loro famiglie. Sui permessi premio concessi a Rudy Guede ci sono stati pareri piuttosto contrastanti, quello concesso in questi giorni è diverso dagli altri perché l’ivoriano può uscire dalla struttura seguendo questi orari riportati da Fanpage: un’ora a colazione, un’ora e mezza a pranzo e cena. Rudy Guede quando si trova nel Gavac (al regime degli arresti domiciliari) continua a studiare, dopo la laurea breve il 29enne ha intenzione di conseguire anche quella specialistica in storia e ambiente all’Università Roma Tre.

Dunque per Rudy Guede sembrano superate le problematiche di carattere burocratico che gli impedivano di lasciare il carcere di Viterbo. Tra le polemiche su questi permessi premio ha fatto discutere quella di Raffaele Sollecito, assolto in via definitiva nel processo per l’omicidio di Meredith che ha dichiarato: «Mi auguro che chi ha concesso a Guede il permesso lo abbia fatto in un percorso di reinserimento sociale. Ha sempre detto menzogne e le direbbe anche ora. Preferirei che si pentisse per quello che ha fatto».

Lascia un commento

Back to Top