HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsDelitto di Pordenone: la difesa di Ruotolo “ha molte carte da giocare”

Delitto di Pordenone: la difesa di Ruotolo “ha molte carte da giocare”

di
Trifone e Teresa_Delitti.net

Trifone e Teresa

E’ iniziato ieri davanti alla Corte d’Assise di Udine il processo a carico di Giosuè Ruotolo. Dopo aver pubblicato le parole dell’accusa, rendiamo note anche quelle della difesa

Giosuè Ruotolo, accusato di aver ucciso la sera del 17 marzo 2015 i fidanzati Trifone Ragone e Teresa Costanza, continua a proclamarsi innocente. Durante le 7 ore del processo, accusa e difesa si sono date battaglia fino alla fine.

Se per l’accusa è ormai certo che ad uccidere la coppia di Pordenone sia stato Ruotolo, per la difesa, come è ovvio che sia, non è assolutamente così: “Nessuno vede Giosuè nel momento in cui viene commesso il delitto. Ecco perché siamo convinti della sua estraneità ai fatti contestati”, ha dichiarato l’avvocato Roberto Rigoni Stern, legale di Giosuè Ruotolo.

La difesa ha molte carte da giocare continua Rigoni – in primis la collocazione di Ruotolo sulla scena al momento del delitto. Non c’è stata perché se ne è andato prima. Tutti gli elementi indiziari non sono sostenibili per fondare la responsabilità penale. Ci sono diversi filoni di indagine che necessitano di un approfondimento perché ci sono molteplici piste percorribili. Ricordo che c’è stato un altro indagato per cui si era arrivati a un’archiviazione”.

Giosuè Ruotolo è innocente anche per i genitori: “Non ha fatto niente. Siamo sereni. Giosuè è forte; deve esserlo”.

La posizione del militare si aggrava invece per l’avvocato Nicodemo Gentile, legale del fratello di Trifone: “Un’udienza molto tecnica abbiamo presentato la richiesta di citare come responsabile civile nel processo il ministero della Difesa, ma è stata rigettata. Sono state quindi ammesse tutte le prove richieste dalle parti: civile, procura e difesa. Ed è stato infine deciso che la prossima udienza si terrà lunedì prossimo 17 ottobre, nella quale cominceranno ad essere ascoltati i testimoni dell’accusa”.

Fonte: IlMattino.it

1 commento

  • GIOVANNA:

    Non sono d’accordo sulla colpevolezza di Ruotolo. Gli inquirenti e le procure dovrebbero indagare a 360° e non soffermarsi sempre sul primo ” pollo ” che trovano. Questa per me, è stata un’esecuzione di gente espertissima legata alla malavita, non di un povero soldatino !!!

Lascia un commento

Back to Top