HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseGiallo Anna Esposito: il caso sta per essere archiviato, la famiglia si oppone
anna esposito_commissario di polizia

Giallo Anna Esposito: il caso sta per essere archiviato, la famiglia si oppone

di

Il 12 marzo del 2001, Anna Esposito, commissario della Digos venne ritrovata senza vita nel suo appartamento situato nella caserma di Potenza. Era impegnata nelle indagini su Forza Nuova, movimento politico di estrema destra, ma l’unico iscritto nel registro del indagati è Luigi Di Lauro, il suo ex compagno. Non essendoci elementi che possano incriminarlo per la morte della 35 enne, la Procura ha deciso di archiviare il caso, ma la famiglia Esposito si è opposta.

anna esposito_commissario di poliziaAnna Esposito venne trovata impiccata alla maniglia della porta da cui si accedeva al bagno nel suo appartamento, tutto faceva pensare ad un suicidio ma sono emerse delle discordanze tra i medici legali che hanno esaminato il corpo della donna. Anna Esposito prima di morire aveva avuto una violenta colluttazione, con chi? Il giorno della sua scomparsa la donna aveva incontrato il giornalista Luigi Di Lauro, con cui aveva avuto una relazione. Proprio lui è stato iscritto nel registro degli indagati, ma non vi sono elementi sufficienti per stabilire che è l’assassino di Anna.

In un primo momento, le indagini sulla morte di Anna Esposito avevano seguito la pista collegata al suo lavoro, il commissario della Digos stava indagando sui movimenti di estrema destra, ma è sfumata molto presto. Un altro dettaglio importante del giallo di Anna Esposito riguarda il suo appartamento che è stato messo a soqquadro, inoltre dalla sua agenda personale mancano alcune pagine.

Il 20 novembre dello scorso anno, il corpo di Anna Esposito è stato riesumato e il medico legale Francesco Introna ha analizzato le fratture al collo arrivando ad una nuova conclusione. L’avvocato della famiglia Esposito ha formulato una richiesta dettagliata contro l’archiviazione, nessuno ha mai creduto al suicidio perché Anna Esposito poche ore prima della morte aveva fatto il pieno alla sua auto e aveva acquistato dei cosmetici. Ora si attende la decisione della camera di consiglio per sapere se accusa e difesa si scontreranno in un processo.

Lascia un commento

Back to Top