HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsGiallo in Vaticano: Miriam Woldu impiegata della reception morta in solitudine

Giallo in Vaticano: Miriam Woldu impiegata della reception morta in solitudine

di

Miriam Woldu è morta in completa solitudine, nessuno si è preoccupata di cercarla. La donna era impiegata della reception della residenza di Papa Francesco e nascondeva un segreto: aveva una relazione con un addetto alla sicurezza.

vaticano-miriam wolduC’è un nuovo giallo in Vaticano, Miriam Woldu, una 34enne di origine eritrea impiegata nella residenza di Papa Francesco è stata trovata morta la scorsa settimana nella sua casa alla periferia della capitale. La donna era incinta di 7 mesi. Da qualche settimana la donna era in malattia, la sua era una gravidanza a rischio. È stato il fratello ad allertare i carabinieri, dopo che per due giorni aveva provato a contattarla telefonicamente senza ricevere alcuna risposta. Quando i vigili del fuoco hanno sfondato la porta dell’appartamento, hanno trovato il cadavere di Miriam Woldu sul letto, era vestita e sul corpo non c’erano segni di violenza.

Eppure Miriam Woldu aveva un segreto, intratteneva una relazione amorosa con un addetto alla sicurezza di Papa Francesco che nessuno ha mai visto. Solo la vicina li ha beccati di sfuggita e ha descritto l’uomo come un giovane alto ed elegante, con un taglio di capelli tipicamente militare. Ascoltato dai carabinieri ha raccontato che era in missione all’estero e non ha potuto fare niente per lei. La stessa vicina ha raccontato che spesso sentiva litigare Miriam a telefono.

Miriam Woldu doveva eseguire una terapia a base di insulina, l’autopsia ha già confermato la morte per cause naturali. Intanto la procura ha aperto un’inchiesta e sono stati sequestrati tutti i documenti medici oltre all’apparecchio che dispensa insulina, per verificare se vi sono state delle negligenze da parte dei medici. Il Papa è rammaricato per l’accaduto e dal Vaticano è arrivata la richiesta alle autorità dello stato italiano, di fare massima chiarezza.

Un’altra vicina di casa di Miriam Woldu non riesce a spiegarsi come si possa morire in questo modo, nessuno è andata a trovarla, è morta nell’indifferenza generale. Forse non ha avuto nemmeno il tempo di chiedere aiuto, nel residence dove alloggiava viveva anche un infermiere a cui poteva rivolgersi in qualsiasi momento.

Fonte: Corriere Adriatico

Lascia un commento

Back to Top