HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsMaria Geusa, la bambina uccisa dall’amante della madre Tiziana Deserto

Maria Geusa, la bambina uccisa dall’amante della madre Tiziana Deserto

di

Il caso di Maria Geusa ha sconvolto l’opinione pubblica. La piccola era stata affidata all’amante dalla madre, che l’ha violentata e uccisa. Sono passati 13 anni.

Il 5 aprile 2004 nel pronto soccorso di Città di Castello c’era un gran caos. Erano tutti impegnati a salvare Maria Geusa, una bambina di 2 anni. Solo con le urla strazianti della madre i presenti intuiscono che per lei non c’era più nulla da fare. Nei corridoi oltre a Tiziana c’era un uomo, Giorgio Giorni, un imprenditore edile conosciuto e apprezzato. Era stato lui a portare Maria in ospedale, era avvolta in una giacca. Ai medici aveva detto che aveva vomitato, poi che era caduta mentre giocava. Quando Giorgio e Tiziana rimangono da soli in una stanzetta, le sfugge una frase molto strana. Ma è tutta la situazione che si viene a creare e il comportamento della donna che insinuano alcuni sospetti. Il padre di Maria, Massimo, lavorava in nero in un cantiere edile di Giorni. Quando arriva scopre che Tiziana aveva affidato la bambina all’uomo.

Massimo Geusa e Tiziana Deserto si era trasferiti in Umbria dopo che la donna si era innamorata di un altro uomo, tanto che voleva fuggire. Massimo, l’aveva raggiunta in stazione evitando lo scandalo, ma nel piccolo paese del brindisino dove vivevano, si era sparsa la voce e le malelingue non finivano di ricamare pettegolezzi. A San Giustino le cose non vanno meglio, perché Tiziana Deserto inizia ad avere relazioni telefoniche con altri uomini e soprattutto non aveva mai dimenticato quell’uomo di Genova. Tiziana gli manda dei soldi e poi lo invita nella casa dei parenti che li ospitavano. Ancora una volta Geusa si mostra paziente, perdona la donna e fa uscire per sempre il genovese dalla loro vita. Tiziana era molto infelice ed ecco che arriva Giorgio Giorni, un uomo descritto come misogino e con tante amanti. L’uomo si avvicina alla coppia e soprattutto a Maria, vuole passare molto tempo con la bambina. La mattina del 5 aprile 2004 Tiziana la accompagna dall’imprenditore, poi la chiama perché sta male.

Due le inchieste aperte, una per abusi sessuali e omicidio a carico di Giorgio Giorni e l’altra per concorso anomalo in omicidio. Tiziana Deserto, la madre di Maria Geusa, sapeva cosa succedeva quando la figlia era con lui? Al processo la donna ha negato gli abusi, così come Giorni che ha solo ammesso di averla picchiata. Il referto dei medici però era agghiacciante, le violenze erano croniche. Giorni è stato condannato all’ergastolo, Tiziana a 15 anni. Geusa ha perdonato di nuovo la moglie.

Lascia un commento

Back to Top