HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsMorti sospette a Saronno: arrestati medico e infermiera, avevano una relazione clandestina

Morti sospette a Saronno: arrestati medico e infermiera, avevano una relazione clandestina

di

Un medico e un’infermiera dell’ospedale di Saronno sono accusati di omicidio. I due avrebbero una relazione. Tra le vittime anche il marito della donna.

morti-in-corsia-a-saronnoIl medico anestesista dell’ospedale di Saronno è stato arrestato con l’accusa di omicidio. A finire in manette anche l’infermiera, la sua amante. Come si legge su Repubblica la donna era succube a tal punto da voler uccidere anche i suoi bambini. Scioccanti le intercettazioni tra il “dottor morte” e “l’infermiera killer”, così come vengono chiamati da tutti i giornali. Leonardo Cazzaniga, vice primario, era pervaso dal “delirio di onnipotenza” e l’infermiera era complice. L’indagine è partita nel 2014 dopo la segnalazione di un’infermiera e, oltre altri arrestati ci sono 14 indagati tra cui il primario del pronto soccorso e due direttori sanitari. Hanno certificato patologie inesistenti per convincere i parenti di una delle vittime che era affetta da una malattia.

L’aspetto più inquietante in questa vicenda di malasanità è la morte del marito dell’infermiera killer. A giugno 2013 al 40enne collega di reparto è stato somministrato un cocktail di farmaci che si è rivelato letale. Le sue condizioni di salute si sono aggravate a tal punto da dover applicare il “protocollo Cazzaniga” applicato dal medito anestesista ai malati terminali. Le morti sospette in corsia sono avvenute nel 2012 e nel 2013, erano persone anziane e malate.

Gli inquirenti stanno indagando anche sul decesso dei parenti della donna in quanto vi sono delle intercettazioni con il figlio di 11 anni in cui parlano di come uccidere una persona. Un altro caso di morti sospette in Lombardia risale al 2015, Anna Rinelli infermiera dell’ospedale di Piario, aveva somministrato dosi di Valium ai pazienti, ed è indagata per omicidio preterintenzionale di decine di pazienti.

1 commento

  • Franco Missoli:

    Ho timore a scherzare con un amico dicendogli “mi trovi un sistema per fare fuori mia suocera”.
    Se sono intercettato la domanda di aiuto suona come una prova a mio carico.
    Si certo verrò assolto ma dopo 10 anni di processi.

Lascia un commento

Back to Top