HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidio Daniela Sabotig: alcune intercettazioni incastrano Zucchelli

Omicidio Daniela Sabotig: alcune intercettazioni incastrano Zucchelli

di

Ivan ZucchelliDaniela Sabotig è stata uccisa a bastonate, è questa l’ipotesi degli investigatori nata dopo aver ascoltato le intercettazioni di Ivan Zucchelli, l’uomo condannato a 30 anni di reclusione per l’omicidio della donna

L’imprenditore Ivan Zucchelli, condannato per omicidio premeditato, avrebbe ucciso la farmacista Daniela Sabotig a colpi di bastone. I giudici hanno formulato questa ipotesi in base ad una conversazione avvenuta tra l’assassino e la moglie il 9 febbraio del 2013, cinque giorni dopo l’omicidio della donna:

La moglie: “Secondo me sui tuoi pantaloni c’era non solo sangue ma anche un pezzo di cervello, quel pezzo che ho lavato io”.
Ivan Zucchelli: “Che ne so, magari è un pezzo di pelle, chi è che lo sa”.
La moglie: “Sembrava un grumo”
Ivan Zucchelli: “…Poteva essere un grumo di sangue, o qualcosa, un pezzo di legno dentro il sangue…”.

Come pubblicato dal Trentinocorrierealpi.gelocal.it, questa è parte di una conversazione da brivido che mette ancora una volta in dubbio le dichiarazioni di Zucchelli, il quale ha sempre sostenuto che Daniela Sabotig fosse morta in un incidente stradale. L’ipotesi è dunque che la donna sia stata uccisa “utilizzando uno strumento verosimilmente ligneo non potendo altrimenti comprendersi il riferimento da parte dell’imputato al pezzo di legno dentro il grumo di sangue rimasto sui suoi pantaloni”.

Inoltre, per i giudici, Zucchelli è rimasto a bordo dell’aiuto del delitto per indirizzarla volontariamente in quella scarpata dove venne trovato il cadavere di Daniela Sabotig. Non è ancora chiaro se quest’ultima sia stata uccisa prima o dopo il finto incidente. Secondo le perizie dell’accusa, sul corpo della donna non vennero mai trovate ferite compatibili con urti provocati all’interno di un’auto in caduta in una scarpata.

Sempre per l’accusa, Zucchelli avrebbe sfruttato la donna per impossessarsi di circa 600mila euro per poi cercare di monetizzare anche sulla sua morte stipulando due polizze per incidenti.

Lascia un commento

Back to Top