HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidio Federica Mangiapelo: il fidanzato condannato a 14 anni, pena ridotta in appello

Omicidio Federica Mangiapelo: il fidanzato condannato a 14 anni, pena ridotta in appello

di

Marco Di Muro è stato condannato a 14 anni per l’omicidio di Federica Mangiapelo avvenuto nel 2012. La pena è stata ridotta in appello.

federica-mangiapelo2La corte d’Assise d’Appello di Roma ha condannato Marco Di Muro a 14 anni di carcere. Il ventenne è accusato dell’omicidio della sua fidanzata, la sedicenne Federica Mangiapelo, trovata morta sulla riva del Lago di Bracciano il 1° novembre del 2012. La pena è stata ridotta di 4 anni, a luglio del 2015 il gup di Civitavecchia aveva condannato di Muro a 18 anni. Riconosciute le attenuanti generiche, equivalenti alle aggravanti. Secondo l’accusa il giovane ha ucciso Federica Mangiapelo al culmine di una lite.

Il giallo di Federica Mangiapelo è durato tre anni. All’inizio infatti tutti pensavano che fosse morta per cause naturali, solo la perizia pneumologia ha stabilito che invece era stata affogata. Le attenzioni degli inquirenti si concentrarono subito sul suo fidanzato, Marco e Federica infatti la sera prima dovevano uscire insieme. Il giovane però disse che avevano litigato e che l’aveva lasciata per strada. Quella notte pioveva e faceva molto freddo, sul corpo di Federica Mangiapelo non c’erano segni di violenza, forse aveva avuto un attacco di cuore.

Il caso stava per essere archiviato ma durante un’intervista a Quarto Grado, la madre della ragazza si lascia andare ad alcune considerazioni: è stato Marco a buttarla in acqua. La donna non ha paura e rivela che il giovane e sua figlia litigavano spesso. A marzo del 2014 il gip ordina una nuova perizia respingendo l’archiviazione del caso. L’esito è chiaro: Federica è stata annegata, dalla sua bocca è fuoriuscito un fungo schiumoso. A dicembre dello stesso anno Marco viene arrestato, poi ottiene i domiciliari. Il processo è stato celebrato con il rito abbreviato e si è basato su due perizie, la prima quella che attestava la miocardite e la seconda, quella che inchiodava il fidanzato di Federica Mangiapelo.

Lascia un commento

Back to Top