HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidio Francesca Benetti: Antonino Bilella condannato all’ergastolo

Omicidio Francesca Benetti: Antonino Bilella condannato all’ergastolo

di

Antonino Bilella è stato condannato all’ergastolo. La corte di Assise di Grosseto ha disposto l’isolamento diurno per due mese per l’ex custode di Villa Adua. L’uomo è accusato di aver ucciso Francesca Benetti, la proprietaria, scomparsa il 4 novembre del 2013.

Francesca BenettiSvolta importante nel processo per l’omicidio di Francesca Benetti. La donna, proprietaria di Villa Adua, tenuta di Potassa di Gavorrano, nel grossetese, è scomparsa il 4 novembre del 2013. L’unico imputato nel processo è Antonino Bilella, l’ex custode al centro di una vicenda giudiziaria che si è conclusa dopo 23 udienze e infinite ore di camera di consiglio. Al termine i due giudici togati e i sei popolari hanno raggiunto un accordo. A nulla è servito l’ultimo appello di Bilella, che prima di entrare in aula si è persino fatto il segno della croce: omicidio premeditato, soppressione di cadavere, stalking, violenza sessuale. Queste le accuse.

Bilella è rimasto in silenzio, i suoi legali non si aspettavano questa condanna. Attenderanno le motivazioni che hanno spinto i giudici a formulare la sentenza di ergastolo e poi ricorreranno in appello, il loro assistito è un uomo forte e insieme decideranno la strategia da seguire. I difensori avevano tentato la carta della derubricazione dell’accusa di omicidio preterintenzionale e quella dell’assoluzione. Ricordiamo che il corpo di Francesca Benetti non è mai stato ritrovato, e per la famiglia questa sentenza è solo uno dei tasselli di questa triste storia, a cui si è arrivati grazie al lavoro meticoloso degli inquirenti.

Secondo l’accusa Bilella avrebbe attirato Francesca Benetti nella sua villa, dove sarebbe arrivata intorno a mezzogiorno. L’ex insegnante è stata aggredita e uccisa, poi dopo aver ripulito la scena del crimine, l’uomo ha caricato il cadavere in auto, la stessa dove sono state trovate delle tracce ematiche appartenenti alla donna. È stata questa la prova che ha dato una svolta al processo. Due giorni dopo la segnalazione della scomparsa di Francesca Benetti, Bilella aveva già deciso di disfarsi dell’auto, rottamandola.

Fonte: La Nazione

Lascia un commento

Back to Top