HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidio Giancarlo Sartini: scarcerato Nica Cornel, insufficienti gli elementi a suo carico
nica cornel

Omicidio Giancarlo Sartini: scarcerato Nica Cornel, insufficienti gli elementi a suo carico

di

Nica Cornel si trovava in carcere con l’accusa di aver ucciso Giancarlo Sartini, l’invalido di 53 anni, probabilmente per un tentativo di furto. Gli elementi a carico del romeno sono insufficienti, inoltre Nica ha un alibi.

giancarlo sartiniLa notte tra il 26 e il 27 dicembre del 2014, Giancarlo Sartini, è stato ucciso nel suo letto. L’assassino con molta probabilità si è introdotto nell’abitazione con l’intenzione di rubare oggetti preziosi, tra cui catenine, bracciali e l’anello d’oro che indossava l’invalido. Il Tribunale del Riesame qualche giorno fa ha chiesto di approfondire le indagini e di scarcerare l’unico sospettato, Nica Cornel, un romeno di 23 anni.

Nella motivazione i giudici fanno riferimento ad alcune impronte insanguinate rilevate con il luminol al lato destro del letto della vittima che non corrispondono a quelle dell’imputato. Dunque nell’abitazione a Chiaravalle c’era un’altra persona che non poteva essere Nica Cornel. Secondo il medico legale, l’omicidio è avvenuto tra le 21.30 e le 2.00, e Nica ha un alibi di ferro. Dalle 21.30 infatti il giovane ha parlato a telefono con il padre in Romania per almeno mezz’ora, poi ha incontrato degli amici al bar e verso mezzanotte ha fermato una prostituta con cui è rimasto sino alle 3.30. Quindi chi ha ucciso Giancarlo Sartini? Nica Cornel ha organizzato il delitto perfetto o è davvero estraneo ai fatti?

Il Tribunale della Libertà continua a considerare gravi gli indizi a suo carico, pur essendo troppo deboli. Dalle intercettazioni telefoniche gli inquirenti hanno estrapolato alcune informazioni importanti da cui si evince che Nica Cornel conosce i particolari dell’omicidio, in quando è preoccupato per una condanna e dice che vuole lasciare l’Italia. Inoltre in un flacone di candeggina sequestrato nella sua abitazione ci sono le tracce del Dna di Sartini e non si esclude che il delitto sia stato architettato da più persone. Le indagini proseguono senza sosta, ma sul delitto di Chiaravalle ci sono ancora molte ombre.

Lascia un commento

Back to Top