HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Vittorio Matarazzo, i risultati dell’autopsia: ucciso con oltre 30 coltellate

Omicidio Vittorio Matarazzo, i risultati dell’autopsia: ucciso con oltre 30 coltellate

di

Vittorio Matarazzo, noto ingegnere campano, è stato ucciso lo scorso 28 novembre a Napoli. Dall’autopsia è emerso che l’uomo è stato raggiunto da ben 35 coltellate

Arrivano le prime indiscrezioni riguardanti l’autopsia eseguita sul cadavere di Vittorio Matarazzo. Sul corpo della vittima sono state trovate 35 coltellate, tra cui una alla giugulare che si è rivelata fatale. Inoltre, sembrerebbero essere state trovate anche tracce biologiche, saliva e peli, che saranno analizzate nei prossimi dalla polizia scientifica.

Grazie all’autopsia è emerso che il delitto si è consumato con estrema ferocia e rabbia, caratteristiche che confermerebbero la sola voglia dell’assassino di uccidere la sua vittima: “L’autopsia – ha dichiarato l’avvocato Ferrandino – escluderebbe il movente della rapina. Chi ha ucciso lo ha fatto con una rabbia fuori dal comune, tipica non di chi vuole impossessarsi di un bene, ma di chi vuole raggiungere l’obiettivo della morte”.

Per il momento, l’unica cosa che si conosce dell’assassino di Vittorio Matarazzo è che questo è un uomo. Il giorno dell’omicidio era armato di coltello con indosso un casco e un giaccone. Questi dettagli sarebbero stati forniti da un testimone oculare, il quale avrebbe visto l’assassino all’opera. Quest’ultimo avrebbe anche tentato invano di raggiungerlo, mentre la vittima veniva soccorsa.

Per il momento gli esperti avrebbero dei dubbi anche sul fratello minore di Vittorio, Luca Materazzo. I due pare infatti che litigavano spesso, arrivando addirittura ad alzare le mani. Luca però è già pronto a difendersi da ogni accusa. L’uomo, iscritto nel registro degli indagati come atto dovuto, ha affermato di essere stato a passeggio per Chiaia la sera dell’omicidio: “Non sono stato io, è terribile che mi si accusi di questo. Non avrei mai fatto del male a mio fratello”.

Da: Blitzquotidiano.it

Lascia un commento

Back to Top