HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioOmicidio Raffaella Presta: il marito potrebbe uccidere ancora

Omicidio Raffaella Presta: il marito potrebbe uccidere ancora

di

raffaella presta

Francesco Rosi avrebbe ucciso la moglie Raffaella Presta in un impeto d’ira scatenato da una frase pronunciata dalla donna: “Il bambino non è tuo figlio”. Secondo alcune indiscrezioni, Rosi non sarebbe realmente il padre genetico di quel bimbo di sei anni che il maledetto giorno dell’omicidio ha assistito all’orrore

Quella frase urlata contro Francesco Rosi pochi attimi prima di essere uccisa, conteneva molto probabilmente una verità nascosta da anni. Con un test del dna, il marito di Raffaella Presta avrebbe infatti scoperto che il suo bimbo di 6 anni non sarebbe geneticamente suo figlio.

Come si legge sul sito Umbria24.it, per il Riesame però, il prelievo di Dna eseguito sul bimbo della vittima “è stato acquisito in violazione dei divieti stabiliti dal codice di procedura penale e pertanto è inutilizzabile e non rispetta i requisiti minimi dei protocolli internazionali in materia di prelievo di tracce biologiche”. Quell’esame potrebbe non essere attendibile e, “anche se fosse utilizzabile”, “non può un accertamento tecnico svolto dopo l’omicidio rappresentare un elemento di riscontro della versione fornita dall’indagato” riguardo il motivo che ha scatenato l’omicidio.

Per i giudici, anche se l’analisi del dna dovesse confermare quanto detto da Raffaella Presta prima dell’omicidio, la difesa di Rosi non potrebbe basarsi su quello poichè, quando la vittima aveva detto al marito che quello non era suo figlio, l’uomo non poteva saperlo con certezza.

Francesco Rosi, sempre per i giudici, al momento è un uomo pericoloso che potrebbe tornare ad uccidere ancora, “ammazzando persone che lo oltraggiano pesantemente o lo feriscono verbalmente”: “L’indagato considera le persone a lui vicine come oggetti di sua proprietà, oggetti di cui servirsi ed abusare e infine, se del caso, sbarazzarsi”.

L’uomo è inoltre rimasto fedele a “quell’atto finale” che, come dichiarato dall’amante della donna, sarebbe prima o poi arrivato al posto della separazione.

Lascia un commento

Back to Top