HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsUltimissimeRoma: giallo alla Magliana, trovata ragazza carbonizzata, aveva detto alla madre: “sto tornando a casa”

Roma: giallo alla Magliana, trovata ragazza carbonizzata, aveva detto alla madre: “sto tornando a casa”

di

Si chiamava Sara Di Pietrantonio e aveva solo 22 anni, è stata trovata completamente carbonizzata in via Magliana 1090 a Roma; il cadavere che ancora stava bruciando era tra le sterpaglie a 500 metri circa dalla sua auto una Toyota Yaris, anch’essa in fiamme.

Sara Di Pietrantonio carbonizzata - delitti.net giusy 29 maggio h. 16.43 (1)Il ritrovamento, è avvenuto alle 4.50, dopo che i vigili del fuoco erano stati allertati da alcuni automobilisti che avevano visto l’auto bruciare, durante le operazioni di spegnimento però qualcuno ha notato delle fiamme salire dalla sterpaglia e cosi è stato scoperto il corpo di Sara quasi completamente carbonizzato che ancora veniva consumato dal fuoco.

Sul posto sono intervenuti subito gli agenti della polizia e la squadra della “Scientifica”, la zona della tragedia è stata delimitata e la polizia ha dato il via alla ricerca di possibili indizi per capire cosa sia successo alla giovane e perchè ha fatto una morte cosi orrenda.

La ragazza era residente non lontano dal luogo dove è morta, precisamente nel quartiere Spallette, attraverso la targa dell’auto gli agenti sono risaliti alla famiglia poichè la vettura era intestata alla madre, che ha effettuato il riconoscimento della figlia.

Sara Di Pietrantonio, era uscita di casa nella serata di sabato forse per trascorrerla con amici come fanno tutti i giovani di sabato sera, poi intorno alle 3.00 la madre non vedendola tornare l’ha chiamata al telefono per chiederle dove si trovasse, la ragazza ha risposto: “Mamma sto tornando a casa” , ma a casa Sara non è più arrivata. Circa due ore dopo la scoperta terribile.

La polizia tiene aperte tutte le ipotesi, dall’omicidio, all’incidente mentre l’auto era in marcia; il magistrato di turno ha avviato le indagini, oltre all’acquisizione delle telecamere di video-sorveglianza di un’azienda che si trova nei pressi del luogo dove la ragazza è bruciata, inoltre la polizia sta sentendo parenti e amici di Sara per scoprire con chi aveva passato la serata.

Lascia un commento

Back to Top