HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioNewsStorie Maledette, Franca Leosini intervista l’ex di Lucia Annibali: la reazione della donna
lucia annibali

Storie Maledette, Franca Leosini intervista l’ex di Lucia Annibali: la reazione della donna

di

Franca Leosini e le sue Storie Maledette in prima serata hanno fatto discutere. In venti anni ha intrattenuto discussioni “amichevoli” con alcuni dei protagonisti della cronaca nera autori dei più efferati delitti e non solo. Ieri sera è andata in onda la registrazione dell’intervista a Luca Varani.

luca varaniFranca Leosini non ama essere chiamata “signora”, eppure quando si parla di lei riesce davvero difficile non definirla “signora del noir”. La Leosini legge la storia italiana attraverso i delitti e per il suo programma Storie Maledette legge le carte dei processi alla ricerca degli aspetti psicologici, senza lasciare nulla al caso. Eppure sono molte le polemiche, nel passaggio dalla seconda alla prima serata gli autori hanno ceduto alle esigenze televisive. Ma gli spettatori, molto più sensibili rispetto ad alcune tematiche, non hanno premiato Storie Maledette che è stato seguito da 1 milione e 100 mila telespettatori, con il 4,1% di share come riporta La Stampa. È un caso se la puntata dedicata a Luca Varani sia andata in onda dopo il lunedì nero del femminicidio, con ben 3 donne vittime della furia dei loro mariti e compagni. Ma l’attenzione e la sensibilità è più alta che mai.

L’avvocatessa è stata fatta sfregiare con l’acido da Luca Varani, il suo ex fidanzato condannato in Appello a 20 anni di reclusione per stalking, lesioni e tentato omicidio, è ora detenuto presso il carcere di Teramo. A suo carico è pendente il processo in Cassazione, la cui udienza è prevista per il prossimo 10 maggio. Ricordiamo che Rubin Ago Talaban e Altistin Precetaj, i due albanesi esecutori dell’aggressione ai danni di Lucia Annibali sono stati condannati a 12 anni (ciascuno) in Appello. Intanto anche la Procura di Pesaro, la stessa che ha condotto l’inchiesta sull’aggressione a Lucia Annibali, ha deciso di avviare degli accertamenti per stabilire chi ha dato il via libera per questa intervista. Le dichiarazioni di Luca Varani infatti avranno valenza processuale, ed è oltraggioso nei confronti della vittima che le telecamere del servizio di stato abbiano acceso i riflettori su questa vicenda offrendo la possibilità di parlare ad un imputato che ha tentato di inquinare le prove ed è stato in silenzio quando i giudici gli rivolgevano le domande.

Luca Varani, si è presentato con gli occhi lucidi e il volto segnato dalla detenzione. Quando ha ricordato l’inizio della relazione con Lucia Annibali ha sorriso Alla Leosini ha detto: «Era molto carina, non attraente, agli inizi non avevo alcun tipo di interesse. Ero e sono innamorata di un’altra donna». Questa donna è Ada, la sua fidanzata storica. Riguardo l’aggressione ha ammesso: «Sono pronto a pagare: quello che è successo al volto di Lucia è colpa mia. Non c’è un giorno, non c’è un’ora che non penso a Lucia, a quello che sta facendo. Sono contento che abbia fatto un percorso importante. So che dovrà combattere, e se un giorno potrà perdonarmi, sono sicuro che sarà possibile, sarà una cosa che farà del bene anche a lei».

La reazione di Lucia Annibali è stata durissima, ecco cosa ha detto al Corriere della Sera: «Il giorno in cui l’imputato Varani chiese attenzione per fare le sue dichiarazioni spontanee ai giudici, io sono uscita dall’aula del tribunale. Allo stesso modo stavolta sono uscita di casa mentre parlava in tv. Perché io c’ero mentre vivevo nel terrore, ed ero lì le volte in cui sarei potuta morire. La verità è sempre una sola e non posso accettare che si provi a metterla in discussione. Non ho bisogno che qualcuno mi racconti com’è andata o che mi spieghi che cosa ho provato in quei momenti. Soltanto io sono autorizzata a farlo».

Lascia un commento

Back to Top