HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiHa un debito di 17mila euro con l’amico: lo uccide e lo arrotola in un tappeto

Ha un debito di 17mila euro con l’amico: lo uccide e lo arrotola in un tappeto

di

francesco attanasioDopo sei giorni di indagini per l’omicidio di Damiano Galizia, arriva la svolta: l’assassino si è recato in Questura per confessare tutto

Ad uccidere il 31enne cosentino Damiano Galizia è stato Francesco Attanasio. Il motivo di tale gesto è racchiuso in un debito di 17mila euro che l’assassino non riusciva a restituire alla vittima. Stanco delle continue richieste, oppressioni e umiliazioni, Attanasio ha impugnato una pistola e, al culmine dell’ennesima lite, ha sparato Damiano per poi tentare di occultare il cadavere. A confessare tutto è stato l’assassino che si è recato di sua volontà alla Questura di Cosenza.

Damiano Galizia e Francesco Attanasio erano amici da una decina di anni. In un primo momento Attanasio avrebbe negato di aver visto l’amico nei giorni in cui si è consumato l’omicidio, ma non è poi riuscito a reggere alle tante domande dei familiari e degli investigatori, ed è per questo che ha deciso di raccontare tutta la verità.

Secondo quanto dichiarato dall’assassino, i due, nonostante i rapporti si erano incrinati, si erano incontrati all’uscita di Cosenza Nord. Galizia aveva in mente un unico pensiero, ovvero quello di poter riavere i 17mila euro che aveva prestato a Francesco Attanasio, il quale, non riuscendo a metterli insieme, era sprofondato in uno stato di ansia perenne. Anche quel pomeriggio del 26 aprile, i due avrebbero discusso su quel prestito, da lì la lite e poi l’omicidio.

L’assassino sarebbe immediatamente fuggito lasciando sul pianerottolo della villetta il cadavere dell’amico. Soltanto il giorno dopo è tornato in quel luogo per ripulire tutto e nascondere il corpo dell’amico in un tappeto arrotolato, sigillato con nastro adesivo e sacchetti di plastica.

Le indagini, dopo questa confessione, vanno avanti per chiarire al meglio le dinamiche dell’omicidio o l’eventuale complicità di qualcuno.

Lascia un commento

Back to Top